Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
luchelanconelli-no-righe

Luca, che spedisce cartoline dal purgatorio attraverso Instagram

Ogni domenica manda una cartolina dal purgatorio. Cosa stia scontando laggiù non l’ho capito. Forse la pigrizia, che fino ad oggi l’ha spinto a rimandare, posticipare, allontanare quel momento che per tutti viene: quello in cui bisogna fare i conti con i propri desideri e con il fatto che raggiungerli comporti qualche sacrificio.
Luca Lucherini ha 30 anni e un esercizio zen che compie ogni settimana: scrive un racconto di 2000 caratteri e lo posta su Instagram. Perché abbia scelto un social network fotografico per diffondere dei testi è la prima domanda che verrebbe da fargli. Ma basta ascoltare la sua storia per capire che a Luca piace prendere strade alternative per andare dove vuole andare. Anche se dove vuole andare non lo sa. Dopo la laurea al Dams di Bologna avrebbe voluto iniziare a scrivere. E invece è diventato un imprenditore nel settore delle energie rinnovabili, salvo poi scoprire lungo il cammino che non era quella la sua destinazione. “Ho venduto le mie quote – racconta – e adesso sto aspettando di capire qual è il mio posto”.
Un’idea ce l’ha: dev’essere un posto pieno di fogli di carta. “Ma oggi il mondo dell’editoria è cambiato – ammette – e non funziona più presentarsi da un editore con un manoscritto. Così ho pensato di sfruttare i social per far conoscere i miei racconti”. Li raccoglie nel suo account @cartoline.dal.purgatorio e ha creato l’hashtag #2000caratteri, attraverso il quale è possibile trovarli tutti. “Instagram è una sfida con me stesso – racconta -: prima di tutto perché si tratta di un social fotografico, dove la gente scorre velocemente le immagini e difficilmente si ferma a leggere i testi. E poi mettici anche che per me avere un impegno settimanale è un esercizio di disciplina, e la disciplina è tutto. La letteratura non è genio e sregolatezza, è metodo e costanza”.
I personaggi delle sue microstorie sono dei perdenti che fanno pena, abitanti del purgatorio, gente che ha qualcosa da espiare o da mettere a posto. “Sono un ragazzo solare – dice quasi per giustificarsi – ma con la scrittura tiro fuori il mio lato oscuro, questo mostro grottesco che mi vive dentro e che Elisa Lanconelli si è divertita a disegnarmi accanto (nell’immagine che vedete qui sopra, ndr)”. E così leggendo le sue cartoline incontrerete Ric, che urla il suo amore a una ragazza sordomuta; Aldo, un robot ideato per essere l’uomo perfetto; Giulia, che colleziona storie sbagliate; Max, che fa l’imbianchino e ha una Citroen.
Che ne sarà di questi racconti lanciati come messaggi in bottiglia nel mare di Instagram? “Sinceramente non lo so – ammette Luca – ma mi piacerebbe che diventassero una specie di quaderno delle idee per scrittori bloccati, che altre persone prendessero i personaggi delle mie cartoline e continuassero a farli vivere”.