Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
lasimmetriadeidesideri

Perché la mancata qualificazione dell’Italia ai Mondiali in realtà è colpa mia

“Fortuna che ci sono i Mondiali, ho aggiunto io. Così il tempo non diventa un blocco unico, e ogni quattro anni ci si può fermare a vedere cos’è cambiato. (…) Quel che ho pensato è che ognuno potrebbe scrivere su un bigliettino dove sogna di trovarsi fra quattro anno. Dal punto di vista personale, professionale. Da tutti i punti di vista. E ai prossimi Mondiali apriremo i biglietti e vedremo cos’è successo nel frattempo”.

Questo è il gioco da cui parte “La simmetria dei desideri”, di Eshkol Nevo. Nel 2014 anche io e Paolo abbiamo deciso di fare lo stesso gioco. Niente mail, niente messaggi: ci siamo mandati per posta – imbucando in una cassetta rossa di Roma lui e in una cassetta rossa di Milano io – i nostri bigliettini, ripromettendoci che durante i Mondiali del 2018 li avremmo aperti per verificare quali dei nostri sogni si sarebbero intanto avverati.

Alla prossima edizione del campionato del mondo manca poco e io sono indietro con la realizzazione dei desideri. Perciò, la mancata qualificazione dell’Italia mi è sembrata un segnale, un messaggio, una proroga ad personam: “Sei così lontana dai tuoi sogni che ti concediamo altri quattro anni”.