Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

“Sono arrabbiato per tre buoni motivi: sono livornese, anarchico e comunista”*

boboA me Livorno m’ha sempre messo tristezza. Non che la conosca bene, ma tutte le volte che ci sono stata, poi andando via ho sentito sollievo. Non mi ha stupito, quindi, scoprire che Piero Ciampi era livornese. E non mi ha stupito neppure che lo sia Bobo Rondelli, con quella sua aria da marinaio davanti alla bassa marea. Ci sono tristezze più personali e tristezze più sociali. Più collettive. La tristezza dei livornesi è di questo secondo tipo: qualcosa di amaro che avvertono solo loro, un comune modo di stare pericolosamente al mondo.
Questa “vicinanza” ha fatto sì che Bobo Rondelli decidesse di far rivivere a teatro le canzoni di Piero Ciampi. Stasera le suonerà a Milano e se vi sbrigate trovate ancora i biglietti.  Lo spettacolo si intitola “Ciampi ve lo faccio vedere io” e se vi piace poi potete anche comprare il disco “Bobo Rondelli canta Piero Ciampi“. Ma comprate anche un pacchetto di fazzolettini.

(*Così Piero Ciampi parlava di se in un’intervista del 1976)