Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Noi che volevamo essere la ragazzina dai capelli rossi e invece siamo Charlie Brown

charlieChissà cosa si prova nel vedersi evocata – ma mai disegnata – per decenni dentro quelle strisce di carta. Chissà se Donna Wold si era mai riconosciuta. Chissà se si era mai pentita di aver scelto un altro uomo e non quello che per tutta la vita ha continuato a raccontare con ironia l’amore non corrisposto, insegnando a tutti noi la fierezza di essere dei terribili imbranati.
Charlie Brown ha amato per tutta la sua vita di eterno bambino la ragazzina dai capelli rossi. Quella ragazzina era Donna Wold, morta lo scorso 9 agosto a 87 anni.
Noi, invece, abbiamo amato – e continuiamo ad amare – Charlie Brown: amiamo la sua costanza, la sua timidezza, la sua goffaggine, persino l’incerta calligrafia con cui le scrive quelle lettere (o “valentine”). Chissà cosa sarebbe successo se, invece di appallottolare ogni volta il foglio, avesse trovato il coraggio di spedirgliene una.