Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
d0b7661cfabiolovino

Che cosa c’entra Gaber con il miglior disco del 2018?

Per dirla alla Nanni Moretti, io “mi troverò sempre con una minoranza di persone”. Da quando voto, non ho mai vinto una elezione, nemmeno quella per il rappresentante d’istituto al liceo. Perciò, sapermi in una giuria non dev’essere rassicurante per un candidato.

Anche stavolta, infatti, ho votato e ho “perso”. Ma votare è sempre bellissimo, come dice Giorgio Gaber “è più bella anche la scuola quando ci sono le elezioni”. Non sto parlando di un voto politico, ma di un concorso musicale: ero in giuria del “Top 2018”, il referendum sui migliori album italiani del 2018 promosso dal “Forum del giornalismo musicale”. Ogni volta che si tratta di mettere un X o di scrivere un nome su una scheda penso a Gaber e a quella sua canzone che mi accompagna nel tragitto da casa al seggio (o al computer, quando – come in questo caso – si vota online): sento sempre quella “curiosa sensazione che rassomiglia un po’ a un esame di cui non senti la paura ma una dolcissima emozione”, un misto di gratitudine per il diritto di esprimere un voto e di responsabilità nell’esprimerlo. Ed è forse per questo che ho sempre votato, anche quando si trattava di scegliere la miglior pasticceria di Milano.

Il disco vincitore del concorso organizzato dal Forum del giornalismo musicale è stato “Ciao cuore” di Riccardo Sinigallia, mentre nella categoria riservata alle opere prime è arrivato primo Giuseppe Anastasi con “Canzoni ravvicinate del vecchio tipo”.
Nella categoria per il disco assoluto, Sinigallia ha ottenuto 36 voti, superando con distacco gli altri finalisti, scelti nel primo turno di voto: Motta con “Vivere o morire” (che ha ottenuto 25 voti), gli Zen Circus con “Il fuoco in una stanza” (23), Cosmo con “Cosmotronic” (20), Salmo con “Playlist” (14).
Fra le opere prime, dopo Anastasi, che con 34 preferenze ha prevalso sugli altri finalisti, si sono classificati i Maneskin con “Il ballo della vita (27 voti), i Dunk con il disco omonimo (24), Paola Rossato con “Facile” (14) e Generic Animal con il disco omonimo (13).
Non dirò per chi avevo votato io, ma posso dire che il mio disco preferito non ha nemmeno passato il primo turno (qui invece potete scoprire per chi ho votato nella finalissima: “Disco assoluto” https://www.dropbox.com/s/i9te6hxw3iponmp/TOP2018%20preferenze%202%20turno%20disco%20assoluto.pdf?dl=0; “Opera prima”: www.dropbox.com/s/xp55qb8uqw7476d/TOP2018%20preferenze%202%20turno%20opera%20prima.pdf?dl=0).
E voi, per chi avreste votato?